mercoledì 23 maggio 2018 10:53:04
omninapoli

Capodanno, de Magistris contro misure del Questore: Norme da rivedere

1 gennaio 2018 Politica

“Il Comune di Napoli è assolutamente soddisfatto del bilancio di fine anno e dell’inizio del 2018 per quanto riguarda l’organizzazione degli eventi della notte di San Silvestro. Il concerto è stato bellissimo con decine di artisti napoletani impegnati in un interessante progetto culturale, unico ed originale, realizzato in una delle piazze più belle del mondo e che è stato ripreso ed ascoltato, tra l’altro, non solo a Napoli e in tutt’Italia ma anche fuori dal nostro Paese. Piazza piena, tantissima gente, la forza della musica è riuscita anche a superare le difficoltà per arrivare nei pressi del palco. Bellissimi anche gli oltre 45 minuti di fuochi d’ artificio a Castel dell’Ovo. Uno spettacolo straordinario visto da un fiume enorme di napoletani e turisti su tutto il lungomare liberato, gremito di persone. Anche l’appello ad utilizzare solo botti legali è stato accolto, seppur non da tutti, tanto che il bilancio in città si è attestato in circa venti feriti, in questi ultimi anni ormai in assoluta e progressiva diminuzione. Una cosa ben diversa dal bollettino di guerra del passato di una volta. Spiace ancora una volta apprendere del ragazzo ferito da un colpo di arma da fuoco esploso da criminali, ma questo si inserisce negli aspetti dell’altra parte della medaglia di questa città che consideriamo inaccettabili e su cui devono lavorare tutti”. Così una nota di bilancio della notte da parte del sindaco Luigi de Magistris che così indirettamente critica le misure adottate dal Questore. “Per quanto ci riguarda siamo veramente soddisfatti considerando anche gli ostacoli che abbiamo dovuto subire per la chiusura di metro e funicolari con danno alla Città, ai napoletani ed ai turisti, per la quale abbiamo già espresso rammarico e disappunto. Vorrei però fare una riflessione sulla sicurezza: quando sono arrivato al Plebiscito francamente la piazza mi sembrava troppo chiusa, blindata, quasi inaccessibile, assolutamente non in sintonia con il resto della Città. Centinaia di migliaia di persone si sono riversate in tutta la città dai vicoli alle strade e fino al lungomare e poi c’era un luogo super transennato dove le persone con difficoltà riuscivano ad arrivare al concerto, tra l’altro con assembramenti alle transenne anche pericolosi su Piazza Trieste e Trento. Questa modalità di gestione degli eventi nelle piazze d’Italia – a seguito dei gravissimi fatti di Torino in cui sottovalutazioni ed errori, per non dire altro, appaiono evidenti – secondo me va rivista e la mia non vuole essere una polemica nei confronti di nessuno perche è un ragionamento che faccio da tempo e che ho anche più volte rappresentato nelle competenti sedi istituzionali. Anche con queste difficoltà ad arrivare in piazza, alla fine è stato un successo clamoroso ed un ringraziamento voglio fare ai tutti coloro che hanno lavorato ieri sera e questa notte: alle donne e agli uomini delle forze dell’ordine tutte, della nostra polizia municipale, di ASIA, dei Vigili del Fuoco, della Protezione civile, del 118, i volontari e tutti quelli che, anche gratuitamente, si sono messi al servizio della Città. Grazie! Nonostante le difficoltà e i problemi e qualche iniziale rigidità di troppo la notte di San Silvestro ancora una volta a Napoli è stata un grande successo e i napoletani e la folla enorme di turisti erano entusiasti e contenti dello spettacolo che la città ha loro offerto”. Infine si è detto dispiaciuto “che tanti nostri concittadini per il mancato prolungamento del servizio di trasporto pubblico su ferro e funicolare non siano venuti in Piazza e questo sarà uno dei punti che affronteremo con determinazione dai primi giorni del nuovo anno”.

Condividi questo articolo