martedì 22 maggio 2018 17:40:28
omninapoli

Debito, piazze contro. De Magistris: Ci fermeremo quando sarà cancellato

14 aprile 2018 Politica

Pd lascia la contro-manifestazione “civica” per la presenza di esponenti CasaPound

“Non sono solo e questa piazza l’ha dimostrato, la piazza unita tutta, nelle diversità conto il debito ingiusto e illegale”. Così il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, a margine della manifestazione contro il debito del Comune di Napoli. “Non possiamo pagare per il terremoto dell’80 e per l’emergenza rifiuti, proprio noi che abbiamo liberato la città dal rapporto tra affari, politica e camorra e che stiamo risanando i conti”, spiega il primo cittadino, “ci fermeremo e fermeremo la lotta quando ci cancelleranno il debito”. Il numero uno di Palazzo San Giacomo rincara la dose e agginge: ci devono ridarcire perché siamo vittime della stagione del terremoto e dell’emergenza rifiuti”. Il sindaco fa un appello all’unità della città “nonostante la cattiveria di chi in questi giorni ha fatto una battaglia solo personale”. “Lasciamo la piazza, visto che in piazza sono arrivati gruppi neofascisti.  Noi abbandoniamo perché non possiamo mai stare in piazza con chi non ripudia il fascismo. La manifestazione era ed è giusta, ma mai con i fascisti”. Così il presidente provinciale Pd Tommaso Ederoclite.

Condividi questo articolo