domenica 27 maggio 2018 09:36:33
omninapoli

FIGC, CIRILLO: GRAVI IRREGOLARITA’ PER ESCLUDERMI DA ELEZIONI

12 dicembre 2017 Sport

“Il mancato raggiungimento delle firme necessarie per la mia candidatura è frutto di gravi irregolarità commesse nelle ultime settimane da chi ha condotto questa campagna elettorale con l’obiettivo di escludermi a priori dalla gara, togliendomi ogni forma di agibilità, impedendo una competizione leale e soffocando così ogni tentativo di discontinuità rispetto al passato”. A dirlo è il candidato alle presidenza del comitato regionale Campania LND-FIGC Vincenzo Cirillo.
“Visto quanto accaduto con l’ultima gestione ordinaria del Comitato e gli anni di commissariamento – spiega Cirillo – era auspicabile un radicale cambiamento di approccio, garantendo per le elezioni la massima trasparenza, pieno rispetto delle regole e rilanciando un sistema che ha perso la propria dignità. E’ accaduto invece che, alle mie richieste formali, ho ricevuto con enorme ritardo risposte evasive dalla struttura commissariale, che ha svestito i panni dell’arbitro per scendere in campo al fianco di uno dei candidati. Non è stata comunicata per tempo la data delle elezioni, non mi è stato possibile accedere agli elenchi delle società e, cosa ancora più grave, le firme a sostegno della candidatura del mio avversario sono state raccolte nei giorni precedenti al 4 dicembre, data dalla quale era possibile avviare le sottoscrizioni, come stabilito dal comunicato ufficiale. E’ utile inoltre ricordare che il mio avversario, rivestendo il ruolo di vicecommissario, ha potuto gestire la campagna elettorale dall’interno e ha avuto libero accesso a tutte le informazioni che mi sono state negate”.
“Ribadisco quindi che non ci sono le condizioni minime per poter svolgere queste elezioni – conclude Cirillo – Il mio obiettivo era e resta quello di mettere in campo passione ed esperienza per rilanciare il movimento in Campania, confrontandomi con le società sul programma. Dall’altra parte, invece, si spendono tutte le energie a disposizione con l’unico obiettivo di tenermi fuori, di sopprimere ogni tentativo di rinnovamento e di gestire il Comitato come una proprietà privata”.

Condividi questo articolo