mercoledì 23 maggio 2018 03:25:59
omninapoli

Operazione Golden Game, 11 arresti nel casertano

7 maggio 2018 Cronaca

Tra agli arrestati affiliati al clan “Belforte – Frazione Maddaloni” e imprenditori collusi

In seguito ad una complessa attività investigativa diretta dalla Procura di Napoli – Direzione Distrettuale Antimafia, convenzionalmente denominata “GOLDEN GAME”, militari della Guardia di Finanza di Marcianise, con il rinforzo di oltre 100 finanzieri appartenenti a tutti i Reparti operativi del Comando Provinciale di Caserta, hanno dato esecuzione oggi all’ordinanza del G.l.P. del Tribunale partenopeo che ha disposto l’applicazione di 11 misure cautelari personali (7 custodie in carcere e 4 arresti domiciliari) nei confronti di affiliati al “clan Belforte – fazione di Maddaloni” ed imprenditori collusi operanti nel settore dell’istallazione e gestione di apparecchi da gioco del tipo “NewSlot”. L’operazione, nata da un attenta analisi del settore dei giochi, ha consentito
di individuare e smantellare una consolidata rete criminale di stampo mafioso in grado controllare il mercato locale dei videopoker operando in regime di pressoché totale egemonia.
Le indagini sono iniziate nel giugno 2016 in seguito a una segnalazione anonima inviata al Reparto territoriale della Guardia di Finanza nella quale venivano denunciate delle irregolarità nella gestione di alcune macchinette da gioco e divertimento di proprietà di alcune società della Provincia di Caserta. Tramite l’esecuzione di mirati controlli volti a verificare la regolarità delle installazioni presso alcuni esercizi commerciali di Maddaloni è stato quindi possibile rilevare che in un breve lasso di tempo numerosi esercizi commerciali si erano dotati di ulteriori slot appartenenti e gestite da due ditte individuali che si stavano espandendo in maniera repentina e anomala sul mercato di riferimento. La successiva attività investigativa permetteva di capire come tali ditte non fossero in realtà gestite dai formali intestatari, bensì riconducibili alla sfera di diretta influenza dei componenti
di una nota famiglia di Maddaloni, già operante nel settore e destinataria di una misura di prevenzione personale e patrimoniale che alcuni anni prima li aveva spossessati delle loro aziende perché collegate con il clan camorristico Belforte, grazie al quale erano riusciti a conquistare ampie fette del mercato locale dei giochi.Le indagini sono state confermate da testimonianze di diversi collaboratori di giustizia, da personale dipendente delle stesse ditte e da alcuni degli esercenti, che, sebbene impauriti e timorosi delle conseguenze della loro collaborazione, hanno confermato di essere vittime di estorsione in quanto costretti a far installare tali slot all’interno dei propri locali commerciali, estromettendo i gestori già lì operanti. Ulteriori e decisivi riscontri venivano poi acquisiti per mezzo di intercettazioni, anche ambientali, e di prolungati servizi di appostamento e pedinamento dei soggetti indagati. Oltre venti i casi di presunta estorsione accertati ai danni di altrettanti commercianti che hanno dovuto subire la violenza intimidatrice esercitata da noti pluripregiudicati appartenenti al clan “Belforte – fazione di Maddaloni. ‘E stato quindi dettagliatamente ricostruito il “giro d’affari” del gruppo criminale per cui c’è stato l’arresto di 11 soggetti responsabili, a vario titolo, dei reati di estorsione, fittizia intestazione di beni ed illecita concorrenza aggravati dal metodo mafioso.
Contestualmente l’Autorità Giudiziaria partenopea ha disposto il sequestro dell’intero complesso aziendale e di tutti i beni riconducibili alle ditte individuali colluse con il clan, compresi 130 apparecchi da gioco e divertimento installati presso 22 bar e locali di Maddaloni e dintorni.
Sulla base di questo provvedimento patrimoniale, i militari della Guardia di Finanza dalle prime ore di questa mattina stanno prelevando materialmente tutte le “NewSlot” in questione dai locali dove erano state installate per sottoporle anche ad una verifica tecnica finalizzata ad individuare eventuali alterazioni dolose del software di gioco e per ricostruire nel
dettaglio anche l’ammontare dei relativi proventi illeciti.

Condividi questo articolo