mercoledì 23 maggio 2018 03:08:49
omninapoli

Rischio emergenza rifiuti, Acerra dice no alla quarta linea del termovalorizzatore

6 luglio 2017 Cronaca
Domani cittadini in piazza dopo l’allarme lanciato dal governatore De Luca su Napoli e provincia

‘No al decimo inceneritore di Acerra’. Questo il nome della manifestazione organizzata per domani alle 18 in Piazza Duomo ad Acerra da Rete di Cittadinanza e Comunità. La manifestazione arriva dopo l’annuncio del governatore della Campania Vincenzo De Luca della costruzione di una quarta linea dell’inceneritore per evitare nuove emergenze rifiuti. La quarta linea stando a quanto spiegato dall’esecutivo regionale non sarà sempre funzionante , ma servirà in caso di manutenzione di una delle altre tre. Ma Rete di Cittadinanza e Comunità condivide la posizione del Vescovo di Acerra, Mons. Di Donna, che ha chiesto di scongiurare l’ampliamento dell’inceneritore. “Non è tollerabile che i vertici di via Santa Lucia mascherino spudoratamente la costruzione della quarta linea con patetiche necessità di manutenzione e sicurezza interna all’impianto – si legge nella nota di accompagnamento alla locandina della manifestazione – Che la Regione Campania ricorra ancora a queste tecniche obsolete di smaltimento, come sosteniamo dall’approvazione dell’ultimo Piano Regionale dei Rifiuti nella scorsa estate, ha il preciso significato di voler imboccare una strada in danno ai cittadini e contro le direttive europee in materia che privilegiano sempre la riduzione dei rifiuti, il riciclo e il recupero secondo i principi dell’economia circolare. Ripensare le modalità di intervento nel ciclo dei rifiuti campano: è questa l’unica necessità – conclude la nota – E va fatto per la sicurezza dei territori, per la salvaguardia della salute e per garantire quei principi di democrazia – basilari nella nostra civiltà – che impongono l’ascolto delle comunità”.

Condividi questo articolo