Il sé ritrovato

Il sé ritrovato

di Alberto Alberti

Partendo dalle sue basi di formazione psicosintetica e dalla sua esperienza in campo psichiatrico, l'autore sviluppa e approfondisce alcuni tra i temi più importanti dell'esistenza, tentando di penetrare, senza la pretesa di svelarlo, il mistero dell'uomo. Sembra quasi di muoversi, tra le pagine di questo libro, in un approfondimento progressivo del nostro cammino esistenziale, alla ricerca di un Sé, allo stesso tempo presente e mancante, che ci appare a momenti tanto vicino da sentirlo quasi a portata di mano, ed a momenti tanto lontano, da sembrare del tutto irraggiungibile. Esso può essere ritrovato, cessando lo sforzo di diversità e di allontanamento da noi stessi, causa prima delle deviazioni esistenziali ed anche psicopatologiche, ed essendo semplicemente ciò che si è, nella totalità del nostro esserci. Si riscopre così il valore della nostra presenza ("Io ci sono"), e con essa un nuovo sistema di valori, non più esterni ed imposti all'uomo, bensì liberamente da lui riconosciuti all'interno del suo stesso cuore.