Per un istante di luce

Per un istante di luce

di Alessia Citti

"Tra le montagne più impervie, nei mari più tempestosi, assetato nei deserti dell'anima, eccitato per un suono o per un incrocio di sguardi: l'amore è ovunque, imprevedibile, imprendibile. Le sue manifestazioni si nascondono in un insignificante granello di sabbia come in un'epifania universale, è un sentimento che può nascere dalla spontaneità di un gesto, da un paesaggio intriso di purezza che rimanda implicitamente a connotati fisici, intellettuali, spirituali che appartengono a un qualcuno. Ad un amato lontano, ambiguo, ad una presenza forse reale, forse impastata con i raggi del sole, con la farina di stelle, con le acque azzurre dei fiumi che dissetano i sogni. La penna trascrive ogni sensazione, la poesia affonda le proprie radici in questo mondo surreale, nella speranza di una degna interpretazione, ma nell'impossibilità di spiegarlo perché il codice dell'amore non ha traduzioni".